Overview

Iran

Il settore commerciale, retail e degli investimenti come base per la creazione di una partnership strategica tra Iran e Italia

Si prevede che la revoca delle sanzioni internazionali darà un impulso significativo ai settori non petroliferi in Iran. Inoltre, anche l’aumento degli investimenti interni e il miglioramento delle finanze pubbliche dovrebbero incoraggiare il consumo privato.

Il settore commerciale, retail e degli investimenti come base per la creazione di una partnership strategica tra Iran e Italia

L’Iran potrebbe essere uno dei mercati mediorientali maggiormente promettenti grazie ai suoi 80 milioni di abitanti, di cui un’elevata percentuale è composta da giovani con un forte interesse per i beni provenienti dall’estero.

Gli operatori italiani godono di un importante vantaggio come “paese d’origine” grazie al tradizionale legame tra Italia e Iran e al valore intrinseco – e fortemente riconoscibile – dei loro prodotti.

Inoltre, sia il canale di vendita retail che e-commerce stanno accogliendo nuovi operatori. A fronte del recente boom immobiliare iraniano, molti spazi commerciali sono ancora vuoti, mentre numerosi edifici moderni sono in costruzione per ospitare nuovi entranti. L’e-commerce in rapida espansione è un ulteriore canale di vendita per raggiungere i consumatori in tutto il paese.

Tuttavia la burocrazia, la normativa commerciale (dazi, divieti sulle merci importate, ecc.) e le recenti dinamiche inflazionistiche – che stanno riducendo il potere d’acquisto della classe media iraniana sulle merci importate – stanno impedendo l’ingresso nel mercato di un numero considerevole di società italiane ed europee.

Nonostante la complessità del contesto in cui si muovono le aziende e la necessità di adattare le comunicazioni e l’offerta ai gusti e alla cultura locali, vale comunque la pena di creare delle partnership e joint-venture con operatori locali che fungano da interpreti delle specificità iraniane per gli attori esteri.

Infine, un altro modo per instaurare una proficua partnership tra Iran e Italia nel settore dei beni di consumo (come moda, cibo, arredamento, ecc.) potrebbe essere la realizzazione di una produzione locale per beneficiare della promettente base manifatturiera e della qualificata manodopera iraniane.

Leggi il Position Paper completo


Il presente documento è il frutto delle analisi compiute dal Think Tank Iran – Italia di The European House – Ambrosetti sotto la guida di un Advisory Board internazionale di rilievo ed è stato presentato in occasione del primo Summit Italia-Iran che si è svolto a Teheran il 16 e 17 maggio 2016.




Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.