Overview

educazione

L’università italiana nella sfida competitiva del Paese

The European House – Ambrosetti, anche su sollecitazione della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), ha avviato uno studio funzionale all’eleborazione di una visione strategica prospettica per l’Università italiana, nella consapevolezza che l’investimento in conoscenza non può essere considerato a sé stante e che ogni intervento sul sistema universitario va pensato all’interno di un complessivo progetto Paese.

L’università italiana nella sfida competitiva del Paese

Da tempo l’Italia sta attraversando una crisi di competitività che ha caratteri strutturali e il sistema universitario non fa eccezione: i processi di riforma messi in atto dalla fine degli anni ’80, non hanno ancora portato i risultati voluti.

Gli effetti di questa situazione sono evidenti, con un sistema della formazione superiore che appare fermo su logiche non più in linea con le esigenze imposte dall’epoca attuale, con problemi diffusi a vari livelli (infrastrutture, finanziamenti, aspetti normativi e di governo, ecc.), con una capacità di formare e attrarre i migliori talenti molto variegata sul territorio nazionale e comunque inferiore a quella di altri sistemi di Paesi avanzati.

Questa situazione è particolarmente penalizzante in un contesto in cui, da un lato, i sistemi universitari mondiali stanno affrontando importanti processi di riforma e, dall’altro, lo sviluppo dei sistemi territoriali è sempre più basato su produzioni ad alta intensità di conoscenza e creatività.

In questo quadro l’investimento in conoscenza è sicuramente un elemento centrale, che proprio per questo non può essere considerato a sé stante. Occorre pensare gli interventi sull’Università all’interno di un complessivo progetto Paese.

La sfida collegata alla scelta del progetto Paese si gioca essenzialmente sul terreno della definizione di uno specifico approccio al governo del sistema universitario, cui si lega un preciso grado di autonomia strategica e, conseguentemente, di responsabilizzazione/valutazione dei singoli atenei.

Nel fare questo occorre tuttavia prestare attenzione ad alcune ulteriori criticità attuali del sistema, fonte di sfide aggiuntive. A titolo di esempio, la necessità di preservare l’uguaglianza delle opportunità, restituendo all’Università il suo ruolo di fattore di mobilità sociale, o l’esigenza di intensificare l’interazione con il territorio di riferimento (mondo imprenditoriale in primis) nel contesto di un rapporto paritario.

Sulla scorta di ciò ed alla luce del dibattito in corso in tema di riforma universitaria, la Ricerca  “L’Università italiana nella sfida competitiva del paese”, presentata al Forum di Villa d’Este nel settembre 2009, si propone di sensibilizzare gli uomini di governo e l’opinione pubblica sulla realtà del sistema universitario in Italia e proporre alcune azioni concrete da intraprendere oggi per tracciare il nuovo scenario dei rapporti tra università, Governo e mondo imprenditoriale, costruendo le condizioni per la loro effettiva realizzazione.


Filo Logico – Executive Summary – Ricerca completa



Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.