Overview

Video

La sfida dell'innovazione - Intervista a Roberto Maroni

Valerio De Molli intervista il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, sulle ricadute di Expo per Milano e per il territorio lombardo e sul rapporto Lombardia/Europa.

La sfida dell’innovazione – Intervista a Roberto Maroni

Innovazione e concretezza: queste le parole chiave dell’azione di Governo del Presidente della Regione Lombardia

L’innovazione in Lombardia è oggi finanziata per il 90% dal settore privato; a tendere sarà fortemente promossa dalle Istituzioni, con l’idea di raddoppiare l’attuale apporto economico, portando gli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo al 3% del PIL regionale entro il 2018, per allinearsi ai principali concorrenti europei.

“Non possiamo competere con altri Paesi europei per quanto riguarda il costo del lavoro – ha più volte dichiarato il Presidente Maroni – ma possiamo farlo sotto altri profili, come, ad esempio, in fatto di presenza di poli universitari e centri ricerca, per i quali la Lombardia non ha rivali nel Vecchio Continente”.

In questa prospettiva si inserisce anche la scelta di “fare sistema” con le altre grandi Regioni industriali europee. La Macroregione Alpina (46 Regioni di 7 diversi Paesi europei) e l’associazione “Quattro Motori per l’Europa” (rete che riunisce Lombardia, Baden-Wurttemberg, Rhone Alpes e Catalogna) rappresentano nuovi assetti istituzionali in cui fare ulteriormente pesare la forza economica e produttiva lombarda.

Il tutto guardando a Expo 2015, potenziale elemento di spinta verso una nuova fase di crescita e sviluppo della Lombardia e del Nord Italia.

Milano, 11 marzo 2014.

 




Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.