Overview

scenari

Scenari e prospettive all’indomani delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti

Quali le ripercussioni del voto sui rapporti tra gli Stati Uniti e le principali aree del mondo? Quali le principali tendenze dei mercati e degli investimenti? Che America ci ritroveremo nei prossimi quattro anni? L’ha spiegato Gianni Riotta ai membri di Ambrosetti Club durante una conference call all’indomani dell’esito del voto.

Scenari e prospettive all’indomani delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti

Nei sondaggi del Pew Research Center, 4 elettori su 10 avevano dichiarato di votare Trump perché non era Clinton, e avrebbero votato Clinton perché non era Trump. Un clima che nei giorni precedenti le elezioni Gianni Riotta aveva sintetizzato in questo tweet: “Le elezioni USA tra Donald Trump e Hillary Clinton sono la scelta più drammatica che l’America affronti da Johnson-Goldwater 1964”.

È stata una campagna molto diversa dalle precedenti, per la personalità dei candidati, per le tematiche molto più “accese”, per il contesto economico e sociale in cui si è inserita.

Il giorno dopo gli esiti del voto, Gianni Riotta – famoso giornalista e docente universitario, già direttore del TG1, corrispondente da New York per molti anni e oggi residente negli Stati Uniti per buona parte dell’anno – ha fatto il punto con i membri di Ambrosetti Club, in diretta dagli Stati Uniti, sull’evoluzione dello scenario politico ed economico mondiale.


Working Paper
Spunti a supporto dell’analisi presentata durante la conference call con Gianni Riotta

cartolina-riotta




Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.