Overview

Geopolitica

Il mondo dopo il Coronavirus: cosa cambia negli equilibri internazionali

Webinar Live
16 Marzo, 2020

Il mondo dopo il Coronavirus: cosa cambia negli equilibri internazionali

Il mondo dopo il Coronavirus: cosa cambia negli equilibri internazionali

Webinar 16 Marzo 2020

Vittorio Emanuele Parsi, Professore Ordinario di Relazioni Internazionali,
Università “Cattolica del Sacro Cuore” di Milano

Il Coronavirus ha aperto una importante riflessione su quali sono gli impatti sui sistemi socio-economici dei vari Paesi che sono più o meno colpiti, ma quali impatti avrà la crisi del Coronavirus sul quadro geopolitico globale e sugli equilibri internazionali? Nella sostanza non si avranno cambiamenti sostanziali nella gerarchia del sistema politico internazionale, potranno cambiare però le interdipendenze specifiche del quadro globale e gli effetti di tali interdipendenze. Il Coronavirus ha generato un rallentamento nell’economia della Cina ma il vantaggio per un’economia come quella degli Stati Uniti è stato di brevissima durata. La Cina adesso sta riprendendo a pieno regime le attività produttive ma non avrà alcun beneficio dai rallentamenti delle altre economie, perché il sistema globale è molto interconnesso e interdipendente. Dopo il Coronavirus anche la Belt & Road Initiative sarà dimensionata rispetto alle attese.

L’emergenza Coronavirus ha rivelato anche alcune posizioni di alcuni Paesi. Ad esempio, in questa situazione gli USA hanno mostrato un rallentamento nel senso di appartenenza alla cosiddetta comunità occidentale, e dal punto di vista politico alle Democrazie occidentali.

Sono emerse inoltre alcune differenze tra il sistema sanitario americano e quello dei sistemi europei e tra modelli diversi dei Paesi europei stessi, che impattano sulle politiche di risposta che in queste settimane i vari Governi stanno approntando. Dal punto di vista sanitario, gli Stati Uniti non hanno un sistema forte se confrontato con i sistemi europei.

In Europa, la leadership del sistema europeo detenuta dalla Germania non dovrebbe cambiare in quanto la reazione della Germania sembra essere positiva e il sistema stesso economico, produttivo e sanitario è solido. Il modo in cui l’Italia sta rispondendo e risponderà a questa gravissima crisi ha un ruolo cruciale perché influenza la percezione stessa del nostro operato e la nostra forza nel quadro geopolitico.

L’interdipendenza a livello globale esiste, occorrerà riuscire a governarla favorendo un grado di cooperazione internazionale. Sarà necessario un nuovo Bretton Woods, cioè dotare i Governi nazionali degli strumenti adeguati per gestire i temi internazionali.

Leggi il post su Linkedin, clicca sull’immagine

Visita il sito dedicato




Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.