Overview

FORUM THE EUROPEAN HOUSE - AMBROSETTI 2018

La fine del Quantitative Easing della BCE

Durante la 44esima edizione del Forum “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”, Villa d’Este il 7, 8 e 9 settembre 2018, è stata presentata una ricerca realizzata in collaborazione con Carlo Cottarelli – Director, Italian Public Finance Monitor at Università Cattolica del Sacro Cuore – dal titolo “La fine del Quantitative Easing della BCE: quali impatti sul debito pubblico e sul sistema bancario”.

La fine del Quantitative Easing della BCE: quali impatti sul debito pubblico e sul sistema bancario

La ricerca “La fine del Quantitative Easing della BCE: quali impatti sul debito pubblico e sul sistema bancario” aggiorna e integra il lavoro presentato al Workshop Finanza di aprile 2018.

Oggetto della ricerca è indagare potenziali sviluppi della situazione del debito pubblico italiano, anche alla luce dei recenti annunci riguardo la fine del Quantitative Easing operato dalla BCE negli ultimi tre anni. Per analizzare queste dinamiche è stato costruito un modello che, sulla base di alcuni input esterni (tasso di crescita del PIL, politica fiscale e variazione dei tassi di interesse), stima quale sarebbe l’evoluzione del rapporto debito/PIL nei vari scenari.

Il modello, quindi, non restituisce previsioni, ma stime di cosa succederebbe in ogni scenario.

La ricerca analizza inoltre quali impatti potenziali sono presenti per il settore bancario.

La fine del Quantitative Easing della BCE:
quali impatti sul debito pubblico e sul sistema bancario
Executive Summary



Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.