Overview

Emergenza Demenza

DEMENZA, UN FENOMENO SOTTOVALUTATO

Nel mondo ogni 3 secondi una persona si ammala di demenza, in Italia si ammala una persona ogni 2 minuti.

Demenza, un fenomeno sottovalutato

Le persone affette da demenza sono oggi 47,5 milioni nel mondo, 8,2 milioni in Europa e 1,2 milioni in Italia

Da qui al 2050 i numeri sono destinati a peggiorare significativamente: si stima infatti che nel 2050 i malati saranno 2,3 milioni in Italia, 16 in Europa e ben 135,5 milioni al mondo.

Stiamo parlando di una malattia che nel 2015 è costata 818 miliardi di dollari, l’1,1% del PIL mondiale: se l’assistenza per la demenza fosse una nazione, sarebbe la diciottesima economia nel mondo.  In Italia invece la spesa nel 2015 ha raggiunto i 37,6 miliardi di euro, il 2% del PIL nazionale.

La demenza è una sindrome che può essere causata da diverse malattie che comportano l’alterazione progressiva di alcune funzioni come la memoria, il ragionamento, il linguaggio, l’orientamento, la personalità. Tra le cause, la più comune è la malattia di Alzheimer.

Ad oggi solo un terzo delle persone con demenza riceve una diagnosi corretta e quando questo accade generalmente la malattia è in uno stadio troppo avanzato.

Poiché la ricerca nel campo delle Neuroscienze ha confermato che i processi patologici che conducono negli anni alla morte neuronale cominciano 15-20 anni prima della comparsa dei sintomi clinici la diagnosi e un intervento terapeutico precoci permetterebbero:

  • un tempestivo intervento sulle cause delle demenze reversibili;
  • l’istituzione di terapie che possono ritardare la progressione della malattia;
  • l’inizio di terapie che potenziano la performance cognitiva del paziente sfruttando la non completa compromissione dei circuiti neuronali;
  • l’attuazione tempestiva da parte del paziente e della famiglia di misure necessarie per risolvere i problemi connessi con la progressione della malattia.

Accanto alla diagnosi precoce è necessario anche compiere ulteriori sforzi per migliorare le cure delle persone affette da demenza, sensibilizzare l’opinione pubblica, formare adeguatamente gli assistenti sociosanitari e potenziare il servizio sanitario. Occorre infine aumentare il supporto alle famiglie che accudiscono i malati a cui è richiesto un impegno costante.

È necessario che il tema della gestione delle demenze venga inserito all’interno delle Agende Sanitarie dei paesi. Si tratta di una vera e propria emergenza sanitaria, sottovalutata fino ad oggi dalla principali economie che hanno destinato alla cura, ai servizi, all’assistenza, e alla ricerca risorse largamente insufficienti.


Per approfondire,
leggi il rapporto Meridiano Sanità 2015 – (Capitolo “I disturbi mentali”)

TAGS:   .


Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.