Overview

Workhop Finanza 2017

La crisi dell’euro preoccupa più della politica di Trump. I risultati del primo televoto

L’andamento dell’economia globale a poche ore dai bombardamenti in Siria. Ecco cosa ne pensano gli imprenditori italiani presenti a Cernobbio durante la ventottesima edizione del Workshop “Lo Scenario dell’Economia e della Finanza”.

La crisi dell’euro preoccupa più della politica di Trump. I risultati del primo televoto

L’economia globale: quanto rimarremo ancora nella “nuova mediocrità”?

Moderatore: Jacob A. Frenkel

Relatori: Valerio De Molli, Martin Wolf, Nouriel Roubini, Richard C. Koo, Francois Villeroy de Galhau, Joaquim Levy

Si è aperta questa mattina a Cernobbio la ventottesima edizione del Workshop “Lo Scenario dell’Economia e della Finanza.

Nel primo panel i relatori hanno portato la loro visione sull’economia globale e la crescita.

A fine sessione è stato chiesto alla platea di rispondere ad alcune domande tramite televoto.

Emerge ottimismo dalle prime risposte: gli imprenditori sono convinti che la loro impresa performi meglio dei concorrenti (40%), e il 70% è convinto di chiudere il bilancio 2017 in positivo (seppure con una crescita inferiore al 10% per il 45% della platea). Ottimismo anche per quanto riguarda le previsioni di occupazione: quasi il 50% afferma che assumerà nuovo personale (il 10% prevede un aumento dell’organico superiore al 10%).

E’ stato poi chiesto al pubblico quali aspetti macroeconomici e geopolitici avranno maggiore impatto sul business. Al primo posto con il 32% delle preferenze, si colloca la crisi dell’euro e l’implosione del progetto europeo, seguono la politica economica di Trump (15% delle risposte) e gli effetti della Brexit (13%). I presenti sono meno preoccupati da possibili attacchi terroristici, 7% delle risposte, e dal flusso dei migranti, 2%.

È stato poi chiesto quali megatrend avranno maggiore impatto sul business e sulla società. La risposta è stata netta: sarà la tecnologia ad avere maggiore impatto (33% delle risposte). La domanda successiva ha riguardato il prezzo del petrolio che, secondo gli imprenditori in platea, sarà stabile o leggermente superiore a quello di oggi (55, 60 dollari al barile).

E’ stato anche chiesto ai partecipanti chi sarà il prossimo presidente francese. Il 70% ha risposto che non sarà Marine Le Pen.


Risultati televoto

TAGS:       .


Lascia un commento

I commenti, i dati personali (nome e/o pseudonimo) e qualunque altra informazione personale inserita dall’interessato saranno diffusi sul sito web in adempimento alla richiesta espressa dall’interessato. Vd. Informativa completa.
Per presa visione e accettazione

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apprezziamo i vostri commenti. Ci riserviamo di rimuovere le frasi ritenute offensive.