Conferenza stampa: Venice Sustainable Fashion Forum 2022 | The European House - Ambrosetti

15 Settembre 2022

Conferenza stampa: Venice Sustainable Fashion Forum 2022

Si è svolta il 15 settembre 2022 la conferenza stampa di presentazione del primo summit internazionale dedicato alla transizione sostenibile del settore Moda, che si terrà a ottobre presso Fondazione Cini (Isola di San Giorgio, Venezia).  

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA


Il Forum in breve

Il “Venice Sustainable Fashion Forum 2022” si suddividerà in due giornate tematiche:

27 ottobre 2022, “Just Fashion Transition”: evento realizzato da Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo e The European House – Ambrosetti, con il patrocinio di Assocalzaturifici  

28 ottobre 2022, “The Values of Fashion”: evento a cura della Camera Nazionale della Moda Italiana e Sistema Moda Italia (SMI)  


Perché un Forum sulla sostenibilità nella moda

Il Forum punta a diventare l’evento di riferimento annuale per discutere il tema della sostenibilità nel settore moda e comprendere presente e futuro di una filiera chiave per la transizione sostenibile.

Parteciperanno istituzioni, ONG, brand, professionisti di filiera, rappresentanti del mondo dell’industria e dell’impresa, opinion leader, protagonisti della trasformazione sostenibile, insieme per identificare le sfide prioritarie, indicare una strada condivisa di cambiamento e avviare un percorso di trasformazione fattivo e basato su evidenze scientifiche e misurabili.

Infatti, misurare l’impatto complessivo del settore e delle sue filiere non è semplice, a causa della scarsità di dati comparabili. Secondo le rilevazioni effettuate da The European House - Ambrosetti, infatti, le stime sulle emissioni di carbonio del settore moda registrano uno scostamento fino al 310% tra le diverse fonti interpellate; similmente, le stime sui prelievi annuali di acqua dolce da parte delle imprese evidenziano variazioni fino al 172% l’una dall’altra e fino al 429% rispetto ai dati sull’utilizzo di acqua per la produzione di jeans.

A fronte però di questo scenario di incongruenza delle rilevazioni, su cui poi leader politici e aziendali sono chiamati quotidianamente a prendere decisioni fondamentali, emerge l’obbligo per circa 1.000 aziende europee dei settori fashion e lusso di rendere pubbliche annualmente le loro performance quantitative di sostenibilità a partire dall’anno fiscale 2023 o, al più tardi, dal 2024, secondo gli standard introdotti dalle nuove direttive europee. L’Italia, in particolare, è prima in Europa per numero di imprese interessate da questa scadenza, quasi 300, seguita dalla Francia con più di 130 e dalla Germania con 110, mentre tutti gli altri paesi dell’area UE presentano una media di circa 25 aziende interessate. Numeri che certificano come la transizione sostenibile sia una questione strategica per l’industria nazionale della moda, che, con un fatturato di circa 100 miliardi, oltre 500.000 addetti e più di 60.000 aziende, ha il dovere e l’onere di essere al centro del dibattito globale del settore e indicare una strada per la riduzione degli impatti ambientali, sociali ed economici generati da questa industria. 


Flavio Sciuccati, Senior Partner e Director Global Fashion Unit, The European House - Ambrosetti

«Il settore della Moda, che ha rappresentato negli ultimi 70 anni uno dei settori trainanti e di fondamentale rilevanza per l’economia e lo sviluppo del nostro Paese a livello mondiale, oggi sta entrando in una nuova fase di cruciale importanza e complessità: la rincorsa al raggiungimento degli obiettivi globali di Sostenibilità e di Responsabilità Sociale che il settore ha spesso lasciato in secondo piano e che invece, oggi, devono assolutamente essere messi in primo piano nell’agenda di tutti gli operatori del settore. Ciò che rende molto complessa questa “transizione verso la Sostenibilità” sono alcuni fattori peculiari che caratterizzano il settore:

i) la forte segmentazione, che ha nel segmento Lusso la sua espressione più alta e nobile ma che invece è caratterizzata in termini di consumi e volumi anche da molti operatori nei segmenti più bassi del “mass market” e del cosiddetto “fast fashion” da cui non si può prescindere
ii) la brevità del ciclo di vita dei prodotti e l’incessante rinnovamento delle collezioni che obbligano a scelte più responsabili e consapevoli
iii) da ultimo, la scellerata “globalizzazione”, la ricerca ossessiva del “low cost” e l’abdicazione da parte dell’Occidente dei processi di trasformazione a vantaggio delle fabbriche di Cina e Sud-Est Asiatico, scelte che hanno portato alla delocalizzazione di massa e alla frammentazione esasperata delle supply chains di tutti i prodotti in condizioni molto spesso “NON Sostenibili”.

Per tutti questi motivi, Ambrosetti nella sua veste di “Think Tank” del settore e del tema “Just Fashion Tansition”, sta effettuando uno Studio Strategico molto approfondito sullo stato di tutte le filiere industriali principali del settore con l’obiettivo di misurare, evidenziare e incoraggiare ogni singolo attore della filiera (piccolo e grande) a indirizzare i propri sforzi e ad intraprendere subito la via verso la Sostenibilità (ovviamente indicando anche le soluzioni e le strade possibili, a livello di singola impresa oppure tramite aggregazioni e alleanze). Presenteremo il nostro Studio Strategico in apertura dei lavori del Forum il 27 ottobre mattina».   


I nostri partner che hanno scelto di aderire e sostenere l’evento: Acimit (Italian Textile Machinery), Alperia, Carbonsink, Chargeurs, DNV, Clerici Tessuto, DB Logistica, Gatto Astucci, VeChainGreenberg Traurig, Mastrotto Group, Pattern Group e Soprasteria, Temera, Videndum Media Solutions, Give Back Beauty.   


Per aggiornamenti, segui sui social l’hashtag #VeniceSFF   


Rassegna stampa

Ansa - A Venezia due giorni sulla transizione ecologica delle aziende della moda

Fashion Magazine - A Venezia un forum per accelerare la transizione sostenibile della moda

Fashion Network - A Venezia il primo summit della moda sostenibile

Giornale di Sicilia - A Venezia due giorni su transizione ecologica aziende della moda

Green Planner - Il settore fashion alla resa dei conti ambientali

La Repubblica - Da Venezia l'appello per un'industria della moda sostenibile

Milano Finanza Fashion - Da Venezia un summit per la moda green

Sky TG24 - A Venezia due giorni su transizione ecologica aziende della moda

Venezia Today - Da Venezia l'appello per un'industria della moda sostenibile

Venezie Post - Italia leader della moda sostenibile? Con questo obiettivo nasce il Venice Sustainable Fashion Forum