G20 Business Advisory Board sull’Empowerment Femminile: il Manifesto

25 Agosto 2021

Responsabile
Valerio De Molli
G20 Business Advisory Board sull’Empowerment Femminile: il Manifesto

Sulla base dell’analisi condotta e dell’individuazione dei principali ostacoli che penalizzano l’empowerment femminile nei paesi G20, il Business Advisory Board coordinato da Ambrosetti Club ha redatto un Manifesto, firmato dai suoi membri, che espone 10 principi guida per promuovere l’empowerment delle donne:


  1. Senza una visione non c'è futuro: definire una visione a 360° per il raggiungimento dell’empowerment femminile formulando un Piano Strategico di lungo periodo che possa improntare un cambio di rotta permanente verso il raggiungimento della parità di genere
  2. Senza una corretta lettura del fenomeno non può esserci uguaglianza di genere: migliorare la raccolta pubblica e privata di dati sulla parità di genere, misurare gli impatti e monitorare i progressi per colmare i gap di dati e la scarsità di analisi di genere
  3. Superare gli stereotipi di genere: incoraggiare un cambiamento culturale attraverso la promozione di nuovi modelli di riferimento maschili e femminili che vadano al di là dei persistenti stereotipi di genere che impattano uomini e donne nelle società e sul posto di lavoro, anche attraverso i media
  4. Se lo puoi immaginare, lo puoi fare: cambiare la percezione del ruolo della donna nell’economia e nella società a partire dall’educazione di primo grado e promuovendo un linguaggio inclusivo e gender-neutral, per modificare gli stereotipi di genere tradizionali
  5. L'educazione è fondamentale: rimuovere gli ostacoli che impediscono la parità di accesso all’educazione e alla formazione permanente a tutte le donne, e intraprendere iniziative volte a promuovere l’alfabetizzazione economica e finanziaria e ad aumentare la partecipazione alle materie STEEM, in collaborazione con il settore privato
  6. Camminare fianco a fianco: introdurre target ispirazionali per la rappresentazione femminile in politica, definire un rapporto minimo uomo-donna nelle politiche di assunzione e aumentare la partecipazione delle donne alle posizioni manageriali per incrementare la rappresentazione femminile nella sfera pubblica e privata
  7. Investire nelle generazioni future: introdurre iniziative per supportare e gestire la genitorialità e per ribilanciare le attività di cura tra uomini e donne per le generazioni future
  8. L'accesso al capitale è fondamentale per l'indipendenza delle donne: implementare programmi di finanziamento specifici con un accesso preferenziale per le donne e creare strumenti finanziari volti a incoraggiare l’imprenditorialità femminile e l’accesso paritario al capitale, così da coltivare l’indipendenza finanziaria delle donne
  9. Il salario equo non ha genere: chiudere il divario salariale di genere promuovendo la trasparenza nel settore privato e istituendo una strategia nazionale comprensiva di target ispirazionali da raggiungere e azioni definite da intraprendere 
  10. Tolleranza zero verso la violenza: promuovere una cultura di “tolleranza zero” nei confronti della violenza attraverso la definizione di un Piano di lungo periodo per prevenire la violenza di genere e per supportare le aziende private nell’introduzione di iniziative volte a individuare e combattere la violenza e offrire supporto alle vittime 


Firma anche tu il Manifesto

Scopri di più